sabato 7 gennaio 2017

Richelieu & Mare Nostrum

Doveva essere una giornata dedicata all'ultima partita della campagna narrativa di Warzone ed invece... Essendo in due con poco tempo per preparare qualcosa di impegnativo ci siamo lanciati sui giochi in scatola!
Ho provato Richelieu, un gioco per due persone di carte e segnalini.
Ogni turno si può raccogliere fino a due carte, o una nel caso sia una carta con due stemmi, dello stesso colore che siano le più esterne di una fila. Su dodici carte sono posti dei segnalini per dare punteggi extra. A complicare il tutto ogni giocatore ha tre segnalini influenza che può piazzare sulle carte per obbligare l'avversario a cedere un suo segnalino influenza o a non prendere quella specifica carta.
A fine partita si fanno i conti, per ogni regione se uno dei due giocati possiede più stemmi dell'altro guadagna tanti punti quanti stemmi mentre l'altro zero. In caso di pareggio entrambi guadagnano zero e se per caso non si possiede nemmeno uno stemma in quella regione si perdono 5 punti. Oltre a questa somma le carte possono avere spade (potere militare), torri (potere politico) e croci (potere religioso), anche in questo caso la somma segue la stessa logica delle regioni.
Abbiamo fatto due partite: la prima (nella foto) ho stracciato Pierpaolo 36 a 15, la rivincita ha vinto lui 31 a 29.
Non abbiamo fatto la bella per provare Mare Nostrum a due giocatori, ovvero Roma contro Cartagine (che stranamente è toccata a me di nuovo).
Ho vinto con una bella cinquina di eroi e Cartagine ha la sua rivincita su Roma!

C'è da dire che in due i barbari sono da tenere molto sott'occhio perché qua Cartagine comincia con l'egemonia economica e culturale mentre Roma ha quella militare, cambiare questi equilibri è praticamente molto complicato e quindi punture tutto sulla coltivazione dell'economia ha dato il suoi frutti.