lunedì 26 dicembre 2016

Luriel the sacred fist

Ho terminato il mio primo modello in 54 mm, Luriel the sacred fist, della Andrea Miniatures.
Se ricordate l'ho vinto questa primavera al concorso di pittura della mia associazione come Mastro pittore 2015-2016.
Ho optato per uno schema di pittura che ricordasse la mia fratellanza, quindi vesta rossa con bordi blu scuri e mantella bianca. Ho dipinto a mano libera un flor de lis sullo scudo perché mi pareva che la superficie fosse troppo vuota mentre tutto il resto o è acciaio o è cuoio, per questo motivo ho giocato un pochettino con le tonalità per rendere un pelo più gialle le maniglie dello scudo rispetto al legno. Stesso discorso per la pergamena sull'armatura ed i due voti applicati con la cera lacca, anche qui ho giocato con le tonalità per ottenere varianti dello stesso colore (il bianco).
Non ho voluto prendermi una base scolpita o lavorarci troppo perché il modello non mi piace tantissimo, anzi sono abbastanza deluso dal modello in se.
In primo luogo è molto statico ed essendo tutto in metallo è molto pesante. Gli incastri tra le varie parti potevano essere fatti molto meglio visto che in questa scala stiamo parlando di dimensioni praticamente doppie rispetto al mio più abituale 28/35 mm. Sebbene le parti siano più corrette dal punto di vista della scala e quindi il modello risulta più equilibrato e bilanciato, mi aspettavo un livello di dettagli decisamente migliore.
Mi spiego meglio con un esempio, lo scudo: l'interno è perfetto! È stato scolpito non solo asse per asse, ma anche le varie vene del legno ed i manici hanno i chiodi che li affrancano al legno. Tutt'altra storia è l'esterno, praticamente piatto! Vero ci sono i chiari segni del combattimento e quindi è tutto storto e crepato in un punto sul bordo, ma se non avessi abbozzato un simbolo sarebbe stato un vero spreco di spazio.
Ora questo modello l'ho vinto e siccome dipingo tutto l'ho voluto dipingere comunque anche per rendermi conto in prima persona cosa volesse dire dipingere un figurino del genere. Sicuramente chi è più avvezzo di me con le tecniche pittoriche e ama dipingere figurini trova in questa scala molti spunti interessanti, ma citando Erodoto: questa non è uva per me!
E sono convinto che con la tecnologia odierna, mi riferisco alla modellazione 3D, ci sono modelli molto più interessanti in 28-35 mm che costano dai 10 ai 25€ contro quelli in 54 mm che partono dai quasi 25€ ai 35€.