sabato 13 agosto 2016

Prima prova a Fanticide

Prima partita a Fanticide, finalmente dico io! Ho comprato il regolamento quasi una decina di mesi fa ma non avevo ancora avuto l'occasione per provare questo folle gioco.
Diciamo che Fanticide è ambientato in un serissimo mondo, piatto e galleggiante nel nulla, che confina attraverso un portale centrale con tutti gli universi per cui è possibile giocare virtualmente tutto dal qualsiasi ambientazione fantastica a qualsiasi armata storica, facendo sempre però i conti con la follia ed i peccati capitali che governano questo regno da incubo.
Andando con ordine, perfino la costruzione del campo di gioco segue regole casuali per cui noi abbiamo adottato la versione a quarti: ogni quarto sono tre elementi scenici, quindi dodici, che verranno disposti in un quarto a caso! Abbiamo tre capanne (terreno intransitabile, il resto è tutto terreno difficile), tre boschi , due stagni e quattro boscaglie. Il resto del campo abbiamo considerato le rocce (dove non ci sono stradine) terreno difficile ed il fiume intransitabile (c'è il ponte ed il guado).
Abbiamo deciso di usare le razze già pronte sul libro. Per la mia banda, visti i modelli che possiedo, ho deciso di giocarmi una banda di mie ospitalieri che finiti su questo Oltremondo sono stati posseduti da spiriti arborei giocandoli quindi come satiri! Le mie streghe sono quindi le satire femmine, che quindi sostituisco il mangiare i nemici del loro vizio della gola con il dover sacrificare immediatamente i nemici sconfitti in corpo a corpo. Per gli alberi uso i luponi, che per qualche ragione sono più lenti rispetto al normale... Come potete vedere dalla foto qua sotto ogni squadra è determinata da una carta (il giocatore da un simbolo, io il pugnale e Pierpaolo la mano artigliata) con scritto il tipo di unità. Queste carte verranno mescolate con quelle dell'avversario per determinare l'ordine di schieramento, aggiungendo una carta evento avremo poi il mazzo iniziativa!
La “leggenda”, il comandante della banda, ha tre carte in quanto può attivarsi più volte o cercare di forzare ad attivarsi altre unità entro 6”. Il “master”, il comandante in seconda, ha una carta sola ma anche lui può cercare di forzare un'altra unità.
Dall'alto in basso, da sinistra a destra, ecco cosa ho schierato (mio nome – nome reale):
  • Gran lupone – Forest father con sprytes aggiuntive
  • 6 luponi – Bogies
  • 6 sergenti lancieri – satyr stickers
  • 10 streghe – thumpers
  • 6 sergenti balestrieri – satyr shootists (due team, anche quello sotto)
  • 5 fratelli di spada – retainers
  • fratello superiore – satyr master con scudo e lancia
  • fratello comandante – con scudo, armatura leggera e amuleto della freccia (schierato all'interno dei fratelli di spada)
ho poi due boschi dei sussurri, li riconoscerete dagli alberi rossi, in cui io posso passare tranquillamente ma il mio avversario se si attiva all'interno dovrà superare un test sanità (è il morale di questo gioco) oppure perdere il controllo della sua unità per quell'attivazione.
Pierpaolo invece ha usato le scimmie volanti, ha utilizzato i modelli associativi per cui il modello colorato serve per riconosce le unità. Dall'alto in basso e sempre da sinistra a destra ha schierato:
  • leggenda con i suoi 5 retainers (sotto), obbligatori per le scimmie, non hanno altro tipi di comandanti
  • due unità da 10 slashers con scudi
  • un'unità da 10 stickers con scudi
  • un'unità di 3 tappeti volanti tiratori (peevers)
  • un'unità di 10 shooters con fucili
  • un gorilla volante (monters)
Tiriamo a caso le missioni, cominciando prima io perché ho vinto lo spareggio e ho scelto da che lato giocare, la mia missione prevede di dover catturare nemici per sacrificarli. Quindi ogni “morto” nemico non abbandona il campo ma cade a terra svenuto. Ogni mio modello che termina la sua attivazione a contatto con uno svenuto lo cattura dandomi alla fine tanti punti quanti le soul (una sorta di misura di quanto è difficile ferire un modello) del modello più uno (per modello!), tutti i morti non catturati non mi danno nulla. Schiererò nei due angoli del mio lato (destro) in rettangoli lunghi 12” e alti 15”.
Pierpaolo invece deve semplicemente distruggermi conquistando un punto per ogni soul dei modelli uccisi più uno per ogni unità completamente distrutta. Lui schiera nella classica linea di battaglia a 12” dal fondo (in realtà da 12” dalla linea della metà tavolo, ma è la stessa cosa).
Primo turno: c'è un'avanzata generale di ambo le bande con un po' di movimenti e finte per poter ingaggiare con calma l'avversario. Come evento tre bande non si attiveranno! I tappeti volanti di Pier e per me invece le mie streghe e un'attivazione dei miei luponi che però avevo già attivato grazie al mio fratello comandante.
Pier sbaglia anche un test di attivazione per cui utilizza la regola speciale “The eek! Eek!” per ritirare il dado, come regolamento richiede ho fotografato Pier per poterlo condividere sulla rete.
Secondo turno: gli scontri iniziano a farsi sentire e cominciamo a rendici conto come è semplice perdere uomini... la leggenda delle scimmie vaporizza con il suo globo uno dei miei fratelli di spada mentre entrambi perdiamo il mostro! Io col fuoco dei tiratori mentre il gorilla volante viene abbattuto dai luponi. L'evento casuale è una tempesta improvvisa che cala sulla leggenda delle scimmie lasciando al suolo tre scimmiette.
Terzo turno: grazie all'evento casuale tre unità eseguono due attivazioni consecutive, questo evento caratterizza fortemente il turno! Da un lato i suoi slashers riescono a quasi distruggermi tutti i fratelli di spada lasciandomi la squadra ad un uomo solo, ma uccidono il mio fratello comandante, mentre i suoi stickers lasciano al suolo un totale di quattro miei sergenti lancieri. Dall'altro lato le streghe cancellano gli slashers (due riescono a fuggire fuori campo senza farsi catturare) mentre i sergenti lancieri si vendicano fortemente delle perdite subite. A fine turno ci rendiamo conto che a Pier basta perdere tre soul per dover chiamare la ritirata, a me ancora quindici.
Ultimo turno: finisce molto velocemente grazie ad uno dei miei due boschi dei sussurri che riescono a convincere gli stickers nemici che i tre tappeti volanti sono nemici! Caricandoli, al secondo morto (ogni modello sono due soul) le scimmie dichiarano la resa!
Contiamo i punti e vinco 35 a 21!
Considerazioni sul gioco? Il regolamento merita! È molto veloce una volta capito che “give” è attacco, “take” è difesa o altri termini che hanno lo solo scopo di dare colore al gioco (in modo molto azzeccato!).
L'attivazione a carte alla Confrotation mi è sempre piaciuto e l'inserimento dell'evento casuale ha il suo peso ma è molto divertente e completamente casuale.
In più il buldier per costruirti la tua banda! Cosa vuoi di più?

Devo solo pensare se voglio crearmi una regola speciale per rendere i non morti, o meglio gli scheletri perché per quanto riguarda zombi, ghoul o vampiri il vizio della fame è fenomenale!