giovedì 7 aprile 2016

Space Wolf

Ormai sono convinto che oggi giorno si possa definire la GW una casa produttrice di ottimi videogiochi, giochi in scatola accattivanti per i bellissimi modelli, e costosissimi bei modelli!
Questa recensione è di uno dei suoi videogiochi (che non produce mai lei direttamente ma sua l’idea e i diritti di sfruttamento vari) gratuiti per smartphone, Space Wolf! Come dice il titolo sei al comando di un manipolo di Lupi Siderali (anche se ora hanno la moda di non tradurre nessun nome) che lottano contro i marines traditori della legione dei Predicatori cercando di tornare a casa dopo essere naufragati su un pianeta a causa di una battaglia spaziale sempre contro questi traditori.
Si è alla guida di un capitano dei Lupi che può essere accompagnato fino ad altri due marines, si parte con tre disponibili (tattico normale, specialista delle armi speciali/lanciafiamme e specialista delle armi pesanti/granate) ma si può sbloccare anche un esploratore (lupo solitario) ed un marine in armatura terminator (guardia del lupo).

Il gioco è uno delle tante trasposizioni di un gioco in scatola su video, giocato quindi contro l’intelligenza artificiale invece che contro altre persone, e sembra essere una variante del gioco di carte GW (sempre “boardgame”, quindi non sono carte collezionabili) dove le carte sono usate per muovere i tuoi uomini che si muovono sulla scacchiera del campo di battaglia.
Gli elementi focali del gioco sono appunto questi due:
  1. Alternanza di turni in cui si fanno agire i propri uomini per il campo di gioco diviso a quadrati, l’arco di vista è chiaramente quello di fronte all’uomo in questione.
  2. Utilizzo di un mazzo di trenta carte (componibile per il comandante, prefatti e non modificabili quelli degli altri marines) per poter agire.

Sull’utilizzo del movimento a scacchiera quadrettata nulla da dire, anche qui ricorda tantissimo un gioco in scatola e per un gioco da smartphone ci sta, soprattutto perché è un gioco a turni!
Le carte sono la vera innovazione ed il punto di forza di questo gioco, ogni attivazione si possono usare fino a due carte.
Sono divise in due generi:
  • Equipaggia – armi che possono essere equipaggiate per essere usate più volte, si hanno a disposizione due slot anche se armi particolarmente grandi li occupano entrambi. Dopo aver finito le munizioni/cariche si possono ricaricare con armi dello stesso genere sia di tipo “equipaggia” che di tipo “usa”. Oltre a poter essere migliori delle armi di tipo “usa”, possono avere anche abilità extra come l’utilissima “reazione” che ti permette attacchi gratuiti quando i nemici entrano nella tua zona di fuoco.
  • Usa – tutto ciò che viene utilizzato una volta sola e poi consumato. Possono essere equipaggiamenti ma anche azioni come “correre” o “sprint” che sono movimenti particolari.
A prescindere che siano carte “equipaggia” o “usa” tutte possono essere utilizzate per muoversi di quattro caselle.
Oltre al tipo di azione che viene eseguita, ogni carta ha un costo in tempo. Per spiegarlo brevemente diciamo che quando si attiva un uomo questo ha tempo 0, ogni carta azione usata gli aumenta il suo tempo con un numero variabile tra -3 e 25. Quando si è finito di attivare un uomo tutti gli uomini in campo scalano 1 dal loro tempo, il primo che arriva a 0 viene attivato!
Questo vuol dire che se con le mie due azioni ho accumulato meno punti tempo del nemico attiverò due volte prima che lui attivi. In questo aiuta l’utilizzo di un’unica carta al posto di due, ovvero preferisco fare solo un’azione ma attivare due volte con un risultato che farò tre azioni prima che il nemico attivi (e magari riesco a distruggerlo così proprio non attiva).
Ultima possibili, per me incomprensibile, è non fare nulla e scartare due carte guadagnando 6 punti tempo. È incomprensibile perché potendo usare un’unica carta e poi passare la seconda azione in pratica è come se scartassi un’unica carta al posto di due, inoltre è sempre possibile muoversi rimanendo fermi (è l’unica opzione per girarsi sul posto).
La storia sembra carina ed essendo il gioco in italiano è l’unico motivo perché lo sto giocando veramente perché ha un “piccolo” grosso difetto: è quel pelo pay-to-win!
Pagando soldi reali è possibile comprarsi soldi virtuali con cui sbloccare tutto e subito tranne le abilità aggiuntive del comandante, ma vuoi mettere guidare un manipolo di veterani al posto di reclute?
Detto questo graficamente è impeccabile con tante scene animate sparse qua e la quando si utilizza un equipaggiamento particolare, i disegni delle carte sono sempre riprodotti fedelmente durante l’utilizzo e gli scenari sono molto ricchi di particolari! Insomma tutte cose che scaldano parecchio il processore del mio smartphone…

Continuerò a giocarlo ma fino a quando la difficoltà non obbligherebbe al pay-to-win, per ora è un passatempo carino. Potrebbe essere un ottimo boardgame reale!