domenica 13 dicembre 2015

Force Brute & Jetari robots

La tecnologia occupa una parte importante nella vita di Pangea, basti pensare a tutti i monasteri che nascono sul fondo oceanico e pian piano risalgono verso l’atmosfera per poi vibrarsi sopra le acque eternamente in movimento!
Non è importante nella vita spirituale dei vari monasteri, quindi sono rari gli ordini che si occupino in prima persona degli aspetti tecnologici. La conoscenza e molte delle materie prime usate su Pangea dalla Fratellanza arriva dall’Impero Galattico, soprattutto come frutto di scambio per i lavori mercenari di certi monasteri. La maggior parte della manutenzione e la costruzione viene quindi affidata ad un esercito variopinto di robot e androidi, magari appositamente costruiti per lavorare sotto le grandi pressioni oceaniche, gestiti direttamente da un unico consorzio detto degli “ingranaggi”.
Sotto questa emblema si riuniscono tutti i monaci che in qualche maniera possiedono conoscenze tecniche o tecnologiche, nessuno è obbligato a prestare servizio come costruttore ma viene comunque riconosciuto il merito di sapere con il superamento di un esame tecnico.
I membri del consorzio degli ingranaggi vengono equiparati agli apotecari (il corpo medico della Fratellanza), per cui oltre a sotto stare alle leggi della Fratellanza e del proprio monastero, sottoscrivono un codice di condotta proprio del consorzio che gli permette di operare all’interno di qualsiasi ordine della Fratellanza.
Come tutti i membri della Fratellanza anche i membri di questo consorzio sono sotto osservazione dell’inquisizione, e voci mai provate sussurrano che esista perfino una branca specializzata nel controllo dei corpi misti come appunto il consorzio degli ingranaggi e gli apotecari.
Gli androidi ed i robot utilizzati arrivano da ogni angolo dell’Impero Galattico e possono rimanere operativi per molti decenni, per questi motivi se ne trovano di ogni foggia e colorazione a seconda di quale ordine specifico servano o se siano direttamente alle dipendenze del consorzio. Due cose in comune ce l’hanno sempre e sono il sistema operativo di base approvato dalla Fratellanza, con le tre leggi della robotica a salvaguardia delle vite umane, e un marchio a foggia di ingranaggio con il codice identificativo dell’unità in questione nel registro del consorzio.
----
Force Brute e i due robot Jetari da addestramento sono altri pezzi di Dreadball Xtreme, ma non so quanto li userò in quel gioco.
Ecco perché pensare ad altri utilizzi!
Non so ancora come saranno esattamente usati, ma molto probabilmente Force Brute sarà una mia ingegnere sul campo di Gruntz mentre i droidi saranno ottimi elementi scenici o forse altri meccanici.
Devo ancora capire come fare delle foto decenti con lo smartphone... O meglio come fotografare bene i particolari!

Prossimo progetto la squadra degli Sphyr, gli alieni pesce-martello!