sabato 1 novembre 2014

Dark Blood Online

Per un totale di 7,3 ore ho giocato a Dark Blood Online, un MMO fantasy di vecchio stampo. O meglio un MMO con un'idea e una grafica decisamente vecchie.
Ovviamente ho giocato il ranger, anche in questo gioco la classe è legata ad un sesso.
Passiamo velocemente a cosa c'è di buono e cosa no.
Punti di forza:
  • gioco “leggero” rispetto agli ultimi usciti, per cui gira su qualsiasi macchina e non c'è pericolo di cadere in LAG o simili momentacci.
  • Combattimenti basati su dungeon, quindi non c'è PVP (a meno che lo cerchi) ne rischio che ti rubino i mostri/oggetti premio. Nonostante i dungeon siano fissi il sistema è calibrato affinché le varie missioni modifichino l'andamento del dungeon stesso.
Punti veramente latenti:
  • chiara ripetitività del gioco, i dungeon dopo tutto sono quelli...
  • non modifichi l'aspetto del personaggio con l'equipaggiamento effettivamente indossato.
  • Sistema di crafting impossibile, manca sempre qualche ingrediente che non ho capito dove reperire...
  • Stesso discorso per la pesca, non c'è nessun vantaggio nel pescare se non fare una pozione al giorno per poter partecipare ad ulteriori dungeon al giorno (livello che non ho mai raggiunto).
  • Se incappi in una missione impossibile da finire sei bloccato col gioco, nello specifico il mio personaggio deve recuperare la lancia da una guardia che non puoi uccidere ma non solo questa ti attacca e quindi tu la puoi ferire, lo fa anche in un nugolo di mostri... tanto per essere chiari ogni attacco colpisci tutti i mostri in quel punto.
  • Movimento e attacchi tutti a tasti, per cui la direzione di attacco è decisa dai tuoi tasti movimento. Di suo non sarebbe male se non fosse che gli attacchi terminano il movimento e viceversa... per cui dipende da cosa attivi prima tra mano destra e mano sinistra!
Ecco per finire il mio ranger in versione samurai, come speravo di ottenerlo se avessi trovato tutti i pezzi “di bellezza” che effettivamente trovi in giro. Per la cronaca ho trovato elmo e scarpe da samurai.

Quindi con un bel 6 a 2 vince il “meglio cambiar gioco”.