mercoledì 10 ottobre 2012

La Sorellanza


++++++++
Invio sequenza dati a Fratello Johaman Capo bibliotecario degli Angeli Oscuri sul pianeta Pertyhs VII da Fratello Vincentius Sergente Veterano della 9°squadra devastatrice della 3° Compagnia Ultramarines.
++++++++

Al fine pensavamo di aver scoperto il segreto della Sorellanza, e invece siamo sulla soglia di un più grande e terrificante segreto.
Ma ogni tessera dev’essere collocata al suo posto al fine di comprendere tutto il puzzle.
La Sorellanza si credeva fosse nata solo l’Impero quando, fondando reggimenti di Guardia Imperiale di sole donne da pianeti di tradizione amazzoniana questi accolsero il nascente culto imperiale divenendo qualcosa di più che semplici donne guerriere. Con questo termine l’Ecclesiarca riunisce i molti ordini, non tutti combattenti, di donne ai suoi ordini.
Parallela a questa Sorellanza c’è un altro ordine femminile che pareva più un mito che reale, la Sorellanza Silente, il braccio armato di donne neutre al flusso del Warp, che appunto silenziano l’oceano ribollente di energie eteriche, che guida le famigerate Navi Nere nella raccolta e catalogazione di psionici all’interno dell’Impero. Queste donne sono sempre state considerate una cosa sola con le Navi Nere dato il loro esiguo numero e il loro particolare rarissimo dono.
Cercando di recuperare le Sorelle di Battaglia sopravvissute all’ondata del Chaos, siamo giunti a un pianeta ai margini dell’Impero così remoto da non meritarsi nemmeno un nome proprio, anche ora ci si riferisce a quel pianeta semplicemente come 149.34.5 (quinto mondo del 34° sistema solare riscoperto dalla 149° spedizione della Grande Crociata). Questo pianeta ha pochissima acqua per cui tutta la terra tra i tropici è un immenso deserto sabbioso abitato da giganteschi vermi, le zone temperate sono brulle piane pietrose con alcune oasi verdi. Solo i poli sono abitabili rivelando ampie pianure erbose. La vera curiosità di questo pianeta è che si trova al lato opposto di Cadia e del suo cancello verso l’Occhio del Terrore.
Appena giunti nel sistema solare 149.34 tutti si sono accorti del silenzio. Il Warp qui è solo un lievissimo sussurro invece dell’oceano tumultuoso del resto della galassia.
Immediatamente abbiamo rilevato un altro tunnel Warp dall’insolita conformazione che partiva da questo sistema, quindi abbiamo inviato una veloce fregata dell’Ala del Corvo poiché specializzati in ricognizioni e ricerca di obiettivi e informazioni.
Scesi sul pianeta nella piccola fortezza polare della Sorellanza abbiamo così appreso il segreto della Sorellanza, questo è il loro pianeta natale! È qui che la Sorellanza è nata prima ancora che l’Imperatore giunse qua, forse addirittura prima del periodo dei Tumulti, quando l’umanità si frammentò per cause ormai dimenticate fino al giorno in cui la Luce dell’Imperatore la riunì.
Questo pianeta è la culla di tutte le donne neutre al Warp, e sono un corpo speciale della Sorellanza alla stessa maniera degli ordini delle Sorelle Ospedaliere o delle Sorelle Archeoesploratrici. Quello che è certo è che questo posto è un cancello nello stesso modo di Cadia, solo che non porta a un posto di completo chaos come l’Occhio di Terrore ma al contrario a un posto di calma e quiete completa tanto che lo chiamano il Cancello del Silenzio.
Mentre attendiamo che l’Ala del Corvo ritorni dalla sua esplorazione, i tecno marines che sono con noi stanno lavorando con le Sorelle Archeoesploratrici sull’equipaggiamento della Sorellanza. Pensavamo che le loro armature potenziate fossero versioni minori delle nostre, e invece abbiamo scoperto che non solo usano materiali differenti per cui sono più leggere, ma hanno anche un numero maggiore di funzioni tattiche e un potenziamento meccanico molto superiore. Stanno quindi lavorando su nuovi disegni di armature studiando sia delle armature potenziate sia degli esoscheletri Terminator.

Ho letto con grande soddisfazione delle vostre imprese, e ringrazio l’Imperatore per averti preservato!
Detto questo fate molta attenzione: i Thunder Warriors non sono Space Marines! Abbiamo in comune molti degli organi artificiali che ci rendono superiori ai comuni mortali, ma essendo essi i progenitori dei nostri Primarchi non hanno ancora i semi genetici che ci rendono i superuomini che siamo.
Quello che sappiamo dalle cronache è che il loro sviluppo è precedente all’era dei Tumulti, infatti durante la Grande Crociata, quasi tutte le Legioni di Space Marines hanno incontrato almeno una versione alternativa di tentativo di Space Marines. Il caso più famoso è successo ai Figli di Horus quando erano ancora lealisti ed Horus non aveva ancora il titolo di Warmaster, che si scontrarono con un impero umano che credeva di vivere sulla sacra Terra e che era difeso da Guerrieri Spaziali. In realtà erano Thunder Warriors ibridati con specie animali aliene per migliorare la loro forza, velocità o per dotarli di ali funzionati a seconda della loro funzione tattica.
Il loro ritrovamento ci può aiutare a formare proto Space Marines così come successe a molte Legioni quando si riunirono ai loro rispettivi Primarchi, i quali hanno sempre primeggiato sul proprio mondo natale e quindi avevano già un proprio esercito personale di campioni. Chi era troppo vecchio o talmente non compatibile per accettare il seme del proprio Primarca venne trasformato appunto in questi super guerrieri ma non ancora Space Marines completi.
Se riuscissimo a replicare questo processo non solo capiremmo meglio i riti di trasformazione, e quindi innalzeremmo la percentuale di successo, in uno Space Marines completo, ma riusciremmo ad utilizzare tutti i guerrieri che volessero unirsi alle nostre Legioni senza scartare nessuno e quindi riusciremmo ad allontanare per sempre il pericolo di estinzione. Come ultima risorsa è noto che alcune coorti di Thunder Warriors erano composte da soli cloni, invece è noto che tutti i tentativi di Corrax, il Primarca della Guardia del Corvo, di clonare i suoi figli non ha portato che alla nascita di mostri senza intelletto umano.

Che l'Imperatori vegli su di te e possa guidare i tuoi proiettili al bersaglio designato,